Dove siamo

Così viviamo la cinofilia.

Immersi nel verde della campagna, in Bassa Sabina vicino Roma.

Ospitati dalla natura e dalla storia dell’antica tenuta di Mentana.

Collocati tra l’antica Via Palombarese e l’antica Nomentum  (Nomentana), nella storica località Contrada San Paolo, dove Agrippina, madre di Nerone aveva scelto di far costruire la sua ricca dimora, tra Via Fonte Lettiga e Via Valle degli Ulivi.

Luogo ove Madre Natura presiede regina, con profumi di agrumi e roseto botanico, con gli eleganti colori delle piante autoctone, tra sapori di frutta appena colta, e canti di api e cicale, si vive una cinofilia perfettamente inserita in un naturale contesto.

Ampi campi in erba selvatica e trifoglio bianco selvatico profumato, recinti spaziosi per sgambate, ombreggiatura naturale, clubhouse, servizi igienici, interamente recintato, il posto offre agio a persone e cani permettendo libertà di azione in sicurezza ai compagni a quattrozampe.

 

LA STRUTTURA

Non a caso, scegliendo un posto dove il cane è immerso in un habitat naturale più consono alla sua originaria indole, ci si industria a far lavorare l’animale in ottimale condizione per una migliore concentrazione e rilassatezza. Importante è impostare  l’addestramento sul gioco e sul divertimento reciproco cane-conduttore, così da ottenere la formazione caratteriale del cane con la priorità di base di ottenere un equilibrio interiore. Di un ambiente naturale lontano dagli stress della vita quotidiana, ne beneficia anche il conduttore che trasmette all’animale una miglior predisposizione ad accettare i comandi: nessuna pressione negativa, nessun contrasto, nessuna competizione o conflittualità interiore appaiono ad ostacolare l’apprendimento-addestramento di entrambi i soggetti cane-conduttore, tutti questi, elementi che disorientano e confondono entrambi. Ciò getta le basi, per poter trascorre del miglior tempo insieme, rilassati, quando si va in passeggiata tra la gente, oppure in luoghi frequentati da altri cani, in posti dove c’è confusione.

A disposizione  

  • campi gare ipo, work, agility, altro
  • campo ricerche in superficie, bosco, canneto, fosso, altro
  • campo giochi
  • ampi recinti di stazionamento
  • clubhouse
  • barbeque
  • servizi igienici
  • strutture disponibili per affitto

 

CI VENGONO A TROVARE

In una condizione di gran rispetto e di conoscenza della vita naturale, adottando un comportamento idoneo, gli animali si accostano curiosi anche se timorosi. Uscendo da Roma attraverso le antiche vie Salaria, Nomentana, Palombarese, ci si trova immediatamente immersi nella natura, la quale invitandoci con le sue malie, ci offre degli incontri a sorpresa con i suoi occupanti. Richiami striduli o canti armoniosi, colori vivaci, voli improvvisi o immobilità mimetica, fughe, corteggiamenti, gli spazi di campagna si animano di vita a tutte le ore della notte e del giorno. Incontri simpatici, arruffiananti, coinvolgenti, che addirittura a volte cercano interazione: la possibilità di realizzare safari fotografici, offre ricordi intensi da poter rivivere a casa rivedendo immagini e filmati. Avvicinarsi con l’occhio della fotocamera o videocamera, è come entrare nella vita privata di animali, insetti, fiori, per rubargli una intimità di gesti, linguaggi, cure parentali, vita quotidiana.  

Gli animali di origine nativa che ci vengono a trovare, avvertono attraverso gli incontri casuali, che i frequentatori del circolo non importunano loro: ciò crea un antico equilibrio da eden, dove vige un rapporto di fiducia dettata dall’istinto. Ciò premette i successivi incontri dettati dalla reciproca curiosità, …… e perchè no…… anche dall’opportunismo di rimediare qualche leccornia lasciata incustodita sui tavoli!!!!!

 

FLORA

Per ogni stagione una esplosione di colori.  Una primavera tiepida, madre natura ci offre le tenue sfumature dei colori pastello di mandorli fioriti, peschi, ciliegi  ed albicocchi, poggiati su prati di erba appena spuntata. Meli, troneggianti maestosi, ammazzettano i loro boccioli per poi prepararsi a sostenere il peso dei loro frutti sanguigni. La torrida estate si riempie di colori scialbi provocati dall’intensa luminosità solare, di api ronzanti intorno ai fichi e alle fioriture selvatiche dei campi. Con l’autunno imperversano le sfumature radiose dei caldi colori delle foglie cadenti, ruggine, ocra, giallo, quasi a voler dar più luce e maggior luminosità alle giornate più corte e di clima più temperato. D’inverno, dorati raggi solari piegano, si insinuano, si incanalano tra i rami degli alberi spogli, provocando fasci di luce piacevolmente abbaglianti. Con il biancore della neve ed i suoi intensi riflessi luminosi, madre natura quasi si sforza di voler trasformare le lunghe notti in crepuscoli o eterne aurore, un debole intento di voler simulare l’effetto visivo diurno.